FUTURISTI – LE CITTA’ DI FONDAZIONE NEL LAZIO

FUTURISTI E CITTÀ DI FONDAZIONE DEL LAZIO

Per comprendere la stretta relazione che corre tra la mitopoietica futurista e la bonifica integrale bisogna risalire, innanzitutto, alla struttura cellulare del movimento marinettiano, alla sua stessa composizione microsomica, a tutti quei dettati programmatici basilari che ne segnarono il cammino, rimanendo negli anni postulati imprescindibili: velocitàdinamismomodernolatriamacchinismopoliespressività.

I futuristi già agli albori del XX secolo avevano intuito l’ineludibile totale cambiamento in atto del mondo contemporaneo e ne avevano glorificato l’avvento.

Duranti il periodo che va dal 1927 (inizio dei lavori di delle paludi pontine) fino al 1939 (inaugurazione di Pomezia), l’opera di risanamento del territorio trasformò l’intero agro pontino-romano in un cantiere permanente a cielo aperto, cosa che determinò la nascita delle città nuove, dei borghi delle strade, dei canali di scolo, quale prova di modernità della nuova Italia.

La città, in questo caso le città nuove, nell’immaginario simbolico futurista, rappresentano anche l’antitesi vitalistica della palude, della miseria stagnante, della rassegnazione malarica.

L’intervento di bonifica integrale delle paludi pontine, inoltre racchiude in sé l’idea della bellezza meccanica, esaltata dall’utilizzo su vasta scala di escavatrici, trattrici, idrovore, mezzi che secondo i futuristi erano in grado di generare una nuova spiritualità, definita religione laica del macchinismo.

La mostra che sarà allestita nello spazio COMEL di Latina presenterà un’ampia rassegna di artisti che aderirono al movimento futurista e rappresentarono, chi con la pittura, chi con l’illustrazione, chi con la letteratura, chi con la musica, sia la nascita delle città di fondazione, sia i lavori di bonifica e le principali opere pubbliche del tempo.

Ricordiamo tra gli altri: Uberto Bonetti, Renato Di Bosso, Carlo Vittorio Testi, Pierluigi Bossi (Sibò), Dario Di Gese, Erberto Carboni, Marcello Nizzoli, Ruggero Alfredo Michahelles, Mino Rosso, Enrico Prampolini, Fortunato Depero, Osvaldo Peruzzi.

L’inaugurazione si terrà sabato 13 gennaio 2018 alle 17.30 nello Spazio COMEL di Latina in via Neghelli 68 con la presentazione di Roberta Sciarretta e interventi di Claudio Paradiso e Massimiliano Vittori. La mostra, vincitrice del bando 2017 della Regione Lazio (Legge n. 27 per le Città di fondazione), resterà aperta fino al 28 gennaio dalle 17.30 alle 20.00.


Condividi Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Potrebbero interessarti anche...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi