CRONACHE DA DUE FRONTI

Da: Pier Giacomo Sottoriva, Cronache da due fronti. Gli avvenimenti bellici del 1943-1944 sul Garigliano e nell’area Pontina, Editrice Il Gabbiano, Latina 2004

A Littoria i tedeschi sono riusciti ad organizzare persino un picco­lo campo di lavoro forzato, dove hanno concentrato gli uomini raccolti durante i continui rastrellamenti. Si trova nel gruppo di fabbricati della tenuta Caetani a Tor Tre Ponti. Lo comanda un sottufficiale che dimo­stra di possedere il fisico del ruolo. Ha isolato la zona, vi ha comandato un buon servizio di guardia, ha sistemato un minaccioso cannoncino al­l’ingresso del fabbricato. Ogni giorno, all’alba, gli uomini vengono inco­lonnati, forniti di un tozzo di pane nero e avviati sotto scorta al canale delle Acque Medie a scavare trincee. Camminano per alcuni chilome­tri, poi, senza sostare, debbono afferrare i badili e cominciare a scavare. A volte li raggiungono i familiari, per qualche pietanza aggiuntiva; altre volte salve d’artiglieria. La sera, operazione inversa con ritorno a Tor Tre Ponti. Egidio Fino, Luigi e Antonio Moccia sono tra gli “internati” a Tor Tre Ponti. Sono giovani e non ne possono più, per cui decidono di fuggire prima dell’appello del mattino. Restano svegli fingendo di dormire per tutta la notte, poi, qualche ora prima dell’alba Fino e Luigi Moccia scavalcano una finestra, eludono la vigi­lanza e raggiungono i campi al di là dell’Appia. Attendono per alcuni minuti Antonio Moccia, che però, tradito all’ultimo istante dall’emozione, ha esitato e, alla fine, è stato sorpreso da una sentinella. I due fuggitivi si camuffano come possono, con fazzolettoni in testa e alterando con panni compres­si le loro fattezze per apparire donne. Il trucco per loro fortuna riesce. Dopo qualche ora raggiungono Littoria senza altri guai. Furono fortunati, perché molti di quelli di Tor Tre Ponti rimasero uccisi dalle cannonate, o vennero deportati in Germania a svolgere lavoro obbligatorio. (dal cap. 11, La popolazione e la guerra)

Condividi Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi